I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

 

Search the store

GAM - GALLERIA D'ARTE MODERNA DI MILANO

NEL 1804 È MELZI D’ERIL AD ACQUISTARE LA VILLA DAGLI EREDI BELGIOJOSO PER FARNE DONO A NAPOLEONE, NELLA CUI OCCASIONE PRENDE IL NOME DI “VILLA BONAPARTE”. NEL 1806, DOPO AVER ACCOLTO OSPITI ILLUSTRI QUALI CAMILLO E PAOLINA BORGHESE E LETIZIA RAMOLINO, MADRE DELL’IMPERATORE, LA VILLA DIVENTA RESIDENZA DELLA COPPIA VICEREALE FORMATA DA EUGENIO DI BEAUHARNAIS, FIGLIO ADOTTIVO DI NAPOLEONE, E DALLA PRINCIPESSA AMALIA DI BAVIERA, I QUALI, PREFERENDOLA ALLA REGGIA, PROMUOVONO UN GRANDE INTERVENTO DECORATIVO CHE INTERESSA IL PIANO SUPERIORE. E’ IL LUOGO IN CUI SI FIRMA LA COSIDDETTA “PACE DI MILANO” (DOCUMENTO CON CUI IL 6 AGOSTO 1849 È DECRETATA LA RESA DELLA CITTÀ ALL’AUSTRIA NELLA PERSONA DEL MARESCIALLO RADETZKY, POI GOVERNATORE GENERALE DEL REGNO LOMBARDO VENETO E A SUA VOLTA ABITANTE DELLA VILLA, TRA IL 1857 E IL 1858); È DIMORA DI NAPOLEONE III. ACCOGLIE INFINE IL MARESCIALLO VAILLANT, COMANDANTE DELL’ESERCITO FRANCESE IN ITALIA ALL’ALBA DELL’UNITÀ. DOPO L’UNITÀ LA VILLA VIENE ASSEGNATA ALLA CORONA D’ITALIA ED ENTRA IN UN LUNGO PERIODO DI RELATIVO ABBANDONO. È SOLO GRAZIE AL PASSAGGIO AL DEMANIO COMUNALE, NEL 1920, CHE SI TRASFORMA NELL’ATTUALE GALLERIA D’ARTE MODERNA.

IL PERCORSO ESPOSITIVO PRENDE AVVIO DALLE PRIME SEI SALE, VOLTE A ILLUSTRARE TEMI E PERSONAGGI DEL NEOCLASSICISMO, FRA I QUALI SPICCANO I CAPOLAVORI DI APPIANI E CANOVA. DUE INTERE SALE SONO DEDICATE AL GENERE DEL RITRATTO, CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLE OPERE DI HAYEZ. LA STAGIONE ROMANTICA È RIPERCORSA ATTRAVERSO GLI ARTISTI PRINCIPALI (FARUFFINI, MOSÈ BIANCHI, INDUNO, PICCIO) E NELLA SALA MONOGRAFICA DEDICATA ALLA SCAPIGLIATURA. LA RICCA STAGIONE DIVISIONISTA, INFINE, È RIEVOCATA IN UNA SERIE DI SALE TEMATICHE: SEGANTINI, GRUBICY, LONGONI, FINO AI DIPINTI DI SOGGETTO SOCIALE DI MORBELLI, SOTTOCORNOLA E NOMELLINI. DOPO LA SEZIONE CON I CAPOLAVORI DI MEDARDO ROSSO, IL PERCORSO AL PRIMO PIANO SI CONCLUDE CON LE PITTURE SIMBOLISTE DI PREVIATI E SEGANTINI. LA VISITA PROSEGUE AL SECONDO PIANO CON LA COLLEZIONE GRASSI, RACCOLTA DI CAPOLAVORI DI PITTURA ITALIANA E STRANIERA DAL XIV AL XX SECOLO, CUI SI AGGIUNGE UN NUCLEO DI OPERE DI ARTE ORIENTALE. FRA LE OPERE ESPOSTE, PEZZI UNICI DI MANET, CÉZANNE, VAN GOGH, GAUGUIN. IN CONTINUITÀ CON LA PRECEDENTE, SI VISITA INFINE LA COLLEZIONE VISMARA, CHE RACCOGLIE OPERE DI PITTURA E SCULTURA DEL NOVECENTO ITALIANO (CARRÀ, DE PISIS, MODIGLIANI, MORANDI, SIRONI) E STRANIERO (PICASSO, MATISSE, RENOIR, VUILLARD, ROUAULT, DUFY). RITAGLIATEVI UNO SPAZIO PER QUESTO VIAGGIO NEL TEMPO, AMMIRANDO OPERE ETERNE CAPACI DI ARRICCHIRCI PROFONDAMENTE.
GAM - GALLERIA D'ARTE MODERNA

VIA PALESTRO 16
20121 MILANO
TELEFONO 02 884.459.47

Slide background
Slide background
Slide background